Narrativa

L'amico immaginario

Dicks Matthew

368 pagine

Il romanzo che ha incantato e commosso lettori di ogni età in 14 Paesi.
Per Max vivere è una faccenda piuttosto complicata: va in tilt se deve scegliere tra due colori, non sopporta il minimo cambio di programma, detesta essere toccato, persino da sua madre che vorrebbe abbracciarlo molto di più. Del resto ha nove anni ed è un bambino autistico. Per fortuna c'è Budo, il suo invisibile e meraviglioso amico immaginario che non lo abbandona mai e da molto vicino ci racconta la sua storia. Finché un giorno accade qualcosa di terribile: Budo vede Max uscire nel cortile della scuola e sparire nell'auto della signora Patterson, la maestra di sostegno. Lo chiama, gli ordina di fermarsi, lo rincorre, ma è tutto inutile. L'auto sfreccia via e per la prima volta Budo è solo. Da quel momento, di Max non si hanno più notizie. E quando a scuola arriva la polizia per interrogare gli insegnanti, Budo è l'unico a sapere con certezza che la signora Patterson non sta dicendo la verità. Ma nessuno al mondo può sentire le sue parole, nessuno, tranne il suo amico scomparso... Dov'è finito Max? Che cosa può fare Budo per risolvere un mistero più grande di lui e riaverlo con sé?
Mentre la tensione sale, la voce incantata e potentissima di Budo rapisce il lettore fino alla fine, travolgendolo di commozione e poesia. Un romanzo indimenticabile.
Titolo originale: ''Memoirs of an Imaginary Friend'' (2012).

Condividi
  • Editore: Giunti
  • Collana: Giunti Tascabili
  • Traduttore: Astrologo,Marina|Tummolini,Stefano
  • Copertina: Brossura
  • Dimensione: 12.5x19.5cm
  • Lingua: Italiano
  • ISBN - EAN: 9788809791220
  • Data di pubblicazione: 25/06/2014
  • Prima edizione: settembre 2012, giugno 2014
"L'amico immaginario" di Matthew Dicks
L'autore
Matthew Dicks Matthew Dicks

Matthew Dicks è uno scrittore e un maestro di scuola elementare. Ha pubblicato due romanzi: "Some­thing Missing" e "Unexpectedly Milo". Vive a Newington, Connecticut, con la moglie e la figlia. L’amico immaginario è un vero e proprio caso editoriale...

  • L'amico immaginario