Narrativa

L'imperfetta meraviglia

Andrea De Carlo

«Cosa mi volevi chiedere?» Lei sente di nuovo la piccola onda di allarme salirle dentro.
«Perché la meraviglia è imperfetta?» Lui la fissa, in attesa.
Lei si chiede se dovrebbe cercare una risposta accurata, o cavarsela con una battuta; alla fine parla senza riflettere. «Perché non dura.»
368 pagine
Disponibile anche: eBook

Scarica e ascolta la colonna sonora del libro

Succede in Provenza, d’autunno, stagione che mescola le prime umide nebbie con un lungo strascico di calore quasi estivo. I borghi e le ville si stanno vuotando di abitanti e turisti. Ancora un grande evento però si prepara. Quasi a sorpresa, sul locale campo di aviazione, si terrà il concerto di una celebre band inglese, i Bebonkers, un po’ per fini umanitari, un po’ per celebrare il terzo matrimonio di Nick Cruickshank, vocalist del gruppo e carismatico leader. I preparativi fervono, tutti organizzati con piglio fermo da Aileen, futura moglie di Nick.

In paese c’è una gelateria gestita da Milena Migliari, una giovane donna italiana che i gelati li crea, li pensa, li esperimenta con tensione d’artista. Un rovello continuo che ruota attorno all’equilibrio instabile del gelato, alla sua imperfetta meraviglia perché concepita per essere consumata o per liquefarsi, per non durare. Milena ha detto addio agli uomini e convive da qualche anno con Viviane. Un rapporto solido, quasi a compensare l’evanescenza dei gelati, l’appoggio di una donna stabile e forte, al punto che, tra qualche giorno, Milena si sottoporrà alla fecondazione assistita. Eppure, in fondo, Milena non ha voglia di farlo davvero questo passo che forse non ha proprio deciso.

Incerta senza confessarselo, Milena. Come Nick, che si domanda da quando il suo rapporto con Aileen ha perso l’incanto dei primi tempi. Così, una rockstar inglese e una ragazza italiana incrociano i loro destini e nel giro di tre giorni, dal mercoledì al venerdì, tutto accelera e precipita in un vortice inevitabile ed esilarante. 
"L'imperfetta meraviglia", il nuovo romanzo di Andrea De Carlo che alterna il ritmo del rock, la leggerezza della commedia brillante, e la profondità del tempo che tutto cambia e modifica. Un continuo mutamento che è la bellezza della vita, la possibilità di essere veramente, fino in fondo, quel che siamo.

Rassegna stampa

Intervista a Fahrenheit - Radio Rai Tre

Intervista a RadioLibri

Il Corriere della Sera

La Stampa

Avvenire

Quotidiano.net

Panorama.it 

Elle.it

Cominsoon.it

Libreriamo

CriticaLetteraria

BlogGraphe

illibraio.it

Sulromanzo

CriticaLetteraria

GliAmantideiLibri

MondoRosaShokking

LibriInMusica

UltimaRiga

Satisfiction

Intervista a Radio Cà Foscari

Intervista su La Bottega di Hamlin

Dicono del libro

Intenso, suggestivo, ricco di riflessioni brillanti sul come e il quando del nostro umano esistere, il romanzo conferma - se ce ne fosse bisogno - che De Carlo è la voce più limpida, attenta e moderna della nostra narrativa.
Sergio Pent, TuttoLibri
Un romanzo dai toni leggeri, ma intensi e penetranti, della commedia brillante. Massimo Mistero, Economiaitaliana.it Un agitato romanzo di pacificazione con se stessi. Cinzia Fiori, Il Corriere della Sera Un autore stilisticamente perfetto, che conosce il congegno romanzesco e lo domina con eleganza. Valeria Parrella Una storia a due voci che parla di identità, di libertà, e della fragilità dei momenti. La bottega di Hamlin
Condividi
L'autore
Andrea De Carlo Andrea De Carlo

Andrea De Carlo è nato a Milano, dove è cresciuto. Dopo essersi laureato in Storia contemporanea ha viaggiato molto, vivendo per lunghi periodi negli Stati Uniti e in Australia. Il suo primo romanzo, Treno di panna, è stato pubblicato...

Appuntamenti
News