NovitàNarrativa

Le madri

Brit Bennett

Forse, dopotutto, non aveva mai conosciuto sua madre fino in fondo. E se non conosci la persona che ti ha tenuto in grembo per nove mesi, allora chi potrai mai conoscere?
336 pagine
Disponibile anche: eBook

«Nei confronti di chi proviamo sentimenti più contrastanti, se non delle nostre madri?» The New York Times Book Review

Ambientato nella comunità nera della California del Sud, il romanzo d’esordio di Brit Bennett è un libro sull’amore, sui desideri, sulle luci e le ombre – scandagliate senza retorica e con coraggio – dell’essere madri.

A narrarci la storia dei giovani, poi adulti, Nadia, Luke e Aubrey, sono “le madri”, il cuore della comunità della Upper Room Chapel, che danno voce al coro senza tempo delle donne, a volte pettegole e spietate ma più spesso capaci di ascoltare le parole non pronunciate, di scrutare i segni dei tempi, di portare nel loro grande cuore il segno di un destino difficile.

Nadia Turner ha diciassette anni, frequenta l’ultimo anno di liceo in un college di Oceanside, non lontano da San Diego, e porta nel cuore il peso insopportabile del suicidio della sua mamma, avvenuto pochi mesi prima.

Nadia vive, o sopravvive, insieme al padre, uomo buono ma incapace di una relazione con lei, e nonostante tutto le ricordi il dolore e la colpa di sua madre, Nadia si ribella e guarda avanti, aspettando di sapere se è stata ammessa a una delle università cui ha fatto domanda e innamorandosi di Luke Sheppard.

Anche lui, proprio come lei, ha qualcosa da dimenticare: figlio del pastore della chiesa che entrambi frequentano, era un campione nella squadra di football del college, ma una brutta frattura ha spezzato la sua gamba e la sua promettente carriera.

La loro storia è emozionante e trasognata come tutti gli amori a quell’età, fino a che Nadia non rimane incinta, e le sembra che abortire sia la sola scelta giusta: è così facile, ogni ragazza oggi sa che è un diritto per il quale generazioni di donne hanno lottato.

Nadia nasconde il suo segreto a tutti, compresa Aubrey, la nuova grande amica che condivide con lei il dolore di una madre perduta.

Da giovani gli anni corrono veloci, senza quasi accorgersene Nadia, Luke e Aubrey diventano adulti: e quando Nadia torna a Oceanside per il matrimonio di Aubrey, l’ombra delle scelte compiute durante quella lontana estate in riva al mare cala improvvisamente su di loro come un debito da pagare, come una domanda che esige risposta.

Con una scrittura incredibilmente matura e al tempo stesso freschissima ci pone una domanda bruciante: quando diventiamo adulti, è possibile sfuggire al peso delle scelte compiute dai noi stessi più giovani che siamo stati?

Titolo originale: ''The Mothers'' (2016).

Dicono del libro

Un libro che, letteralmente dalla prima all’ultima pagina, non lascia dubbi: questo non è solo un esordio potente. Questa è una voce troppo incisiva per rischiare di rinunciare a se stessa a carriera avviata. Questa è e non potrà che rimanere una vera scrittrice. Chiara Gamberale, TuttoLibri - La Stampa
Condividi
  • Editore: Giunti
  • Collana: Scrittori Giunti
  • Traduttore: Scocchera,Giovanna
  • Copertina: Cartonato con sovraccoperta
  • Dimensione: 14x21.5cm
  • Lingua: Italiano
  • ISBN - EAN: 9788809848627
  • Data di pubblicazione: 2017
  • Prima edizione: aprile 2017
L'autore
Brit Bennett Brit Bennett

Brit Bennett, nata e cresciuta nella California del Sud, ha studiato alla Stanford University e conseguito un dottorato all’università del Michigan. Ha pubblicato racconti e interventi sul «New Yorker», il «New York Times Magazine», la «Paris Review» e «Jezebel...