Poesia

La caduta di Artù. Testo inglese a fronte

John R. R. Tolkien

300 pagine

Selvaggi cavalieri al galoppo, ruggire di tuoni, furia di marosi, nuvole che attraversano minacciose i cieli. E uno scenario nordico, che evoca antiche tradizioni leggendarie. Ma è anche lo sfondo di un poema inedito di Tolkien, curato dal figlio Christopher, a cui il Maestro pose mano pochi anni prima dello "Hobbit" ispirandosi alla celebre saga di Artù e della Tavola Rotonda. Il mitico re diventa qui il cavaliere dell'ultima resistenza all'invasione del male, l'epico difensore di un Occidente in crisi. La sua è una "guerra al destino", incorniciata dai classici leit-motiv della famosa leggenda, ma rivissuti secondo nuove prospettive: l'amore tragico di Lancillotto, il fascino ambiguo di Ginevra, il dramma di Artù, l'eroismo di Gawain, le passioni dei membri della Tavola Rotonda. Ciò che Tolkien ci offre è in realtà non solo una favola epica, ma la rappresentazione in chiave poetica delle vicende eterne del pensiero: lo scontro fra Bene e Male, civiltà e barbarie, ordine e caos, diritto e sovversione, dovere e opportunità, orgoglio e percezione del limite. Postfazione di Gianfranco De Turris

Condividi
  • Editore: Bompiani
  • Traduttore: Fusco S.
  • Curatore: Tolkien C.
  • ISBN - EAN: 9788845273735
  • Data di pubblicazione:
  • Prima edizione: 2013
L'autore
John Ronald Reuel Tolkien John Ronald Reuel Tolkien

Massimo studioso di letteratura medievale inglese, è l’autore della trilogia Il Signore degli Anelli, definito il Libro del Ventesimo secolo. Tra le sue altre opere, tutte pubblicate in Italia da Bompiani a partire dal Duemila, ricordiamo: Lo Hobbit illustrato...

  • Il Signore degli Anelli
  • Racconti ritrovati
  • Il Silmarillion