Politica e governoSaggistica

Jihadismo globale

Strategie del terrore tra Oriente e Occidente

Andrea Plebani

Il principale bersaglio degli attacchi jihadisti è provocare il "terrore del terrore": spaventare il nemico per paralizzarlo nell’inazione o obbligarlo a una reazione spropositata.
144 pagine
Disponibile anche: eBook

Il nuovo e spietato protagonista del grande disordine mondiale.

Com’è sorto lo “Stato islamico” nell’Iraq e nella Siria devastati dalla guerra civile e perché il jihad armato è diventato un attore chiave del panorama internazionale?

Qual è la forza di un messaggio che attrae migliaia di foreign fighters?   Perché il radicalismo islamista compie atti di inaudita efferatezza?

Queste sono alcune delle domande cui il volume intende dare risposta, analizzando profili e strategie delle sigle che hanno scatenato una spirale di violenza capace di infiammare intere regioni del dar al-islam.

Dopo l’11 settembre 2001, le formazioni che innalzano il vessillo del jihad armato hanno raggiunto un raggio d'azione che va dal Pakistan alla Mauritania e, nonostante sconfitte e ripiegamenti, sono riuscite a squassare i precari equilibri del mondo musulmano e a portare la loro violenza sanguinaria anche nel cuore dell'Europa.
 

Condividi
  • Editore: Giunti
  • Collana: Orizzonti
  • Dimensione: 14x21.5cm
  • Lingua: Italiano
  • ISBN - EAN: 9788809819467
  • Data di pubblicazione: 2016
  • Prima edizione: marzo 2016
L'autore
Andrea Plebani Andrea Plebani

Andrea Plebani insegna all’Università Cattolica del Sacro Cuore e collabora con l’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale e la Fondazione Oasis. Ha rivolto i suoi studi all’evoluzione dello scenario mediorientale e alle dinamiche interne al radicalimo islamico. Ha...