Copertina L'elefante di Napoleone
€ 11.05
13.00-15%
SaggisticaStoria

L'elefante di Napoleone

Un animale che voleva essere libero

Paolo Mazzarello

192 pagine

Una femmina di elefante per avvicinare l'India alla Francia. In un'atmosfera di conflitti e intrighi fra potenze coloniali europee e signorotti locali, il pachiderma si imbarcò in un viaggio per mare e per terra che dalle coste del Bengala lo condusse a Versailles nell'agosto 1773. Nella splendida residenza della corte francese l'elefantessa diventò il gioiello della ménagerie, lo zoo privato della famiglia reale. Amata per il suo buon carattere, suscitò la meraviglia e la simpatia dei numerosi visitatori stappando bottiglie di acquavite e accettando prese di tabacco offerte in regalo. Tenuta quasi sempre imprigionata, una notte si liberò dalle catene e fuggì. Ma la sua ricerca della libertà era destinata a finire tragicamente. Grazie a Napoleone la sua sagoma tassidermizzata venne infine donata al Museo di storia naturale di Pavia fondato da Lazzaro Spallanzani.
Intrecciata ad altre vicende, come quella dell'elefante regalato dal califfo Ha¯ru¯n al-Rash¯ıd a Carlo Magno, e arricchita da excursus mitologici e letterari sull'elefante nel mondo antico e medievale, la storia di questo pachiderma si trasforma in un'avventura nella scienza naturalistica settecentesca e in una metafora del rapporto di sopraffazione - ma anche talvolta di amicizia - fra uomo e animali.

Condividi
  • Editore: Bompiani
  • Collana: Passaggi
  • Copertina: Cartonato con sovraccoperta
  • Dimensione: 13x18cm
  • Lingua: Italiano
  • ISBN - EAN: 9788845283499
  • Data di pubblicazione: 2017
  • Prima edizione: aprile 2017