News

"Fuorigioco a Berlino" di Christian Antonini e "Sarò io la tua fortuna" di Loredana Frescura e Marco Tomatis finalisti al Premio Il gigante delle Langhe

Siamo felici di annunciare che "Fuorigioco a Berlino"di Christian Antonini, e "Sarò io la tua fortuna" di Loredana Frescura e Marco Tomatis sono finalisti (rispettivamente della Sezione Narrativa per gli anni 8-10 e della Sezione Narrativa per gli anni 11-14) al Premio Il gigante delle Langhe.

Le motivazioni:

Fuorigioco a Berlino di Christian Antonini, Giunti Editore

Fuori gioco a Berlino è un romanzo intenso. Un racconto che scorre veloce e che coinvolge il lettore. Romanzo di crescita, scritto sapientemente da Antonini, con uno stile sobrio e asciutto. Il calcio come pretesto per introdurre una delle pagine più sofferte della storia del ‘900 legata alla Germania divisa. La Germania del muro. Il campo di calcio descritto come luogo di incontro e scontro tra gruppi di ragazzi. Bullismo, prevaricazione: un modo per conoscersi tra adolescenti, ma anche dalla parte delle ragazzine, protagoniste nelle partite del torneo. Segno di emancipazione e coraggio. Il calcio dei ragazzini è un calcio epico che entusiasma e appassiona. Romanzo anche d’avventura ricco di colpi di scena che cattura il lettore per l’alone di mistero che serpeggia tra i protagonisti. Il romanzo si fa apprezzare per il dialogo intergenerazionale che lo permea: padri e figli. Fuori gioco a Berlino con la sua trama avvincente, l’essenzialità delle ambientazioni e l’avvolgente atmosfera costruita intorno ai personaggi da parte dell’autore è anche una testimonianza della crescita costante degli scrittori italiani nel panorama della letteratura giovanile.

Sarò io la tua Fortuna di Loredana Frescura e Marco Tomatis, Giunti editore

Un romanzo convincente, quello di Loredana Frescura e Marco Tomatis, dotato di grande senso della narrazione e del ritmo, capace di coinvolgere nella lettura e di spingere all’approfondimento, per saperne di più sulla Grande guerra del 1914-18. Che in realtà non ha avuto nulla di grande, se non nel numero: nove milioni di soldati caduti, sette milioni di vittime civili. Gli autori sanno rendere bene il clima della guerra, del grande scannatoio che è stata, facendo percepire lo strazio della morte e la corruzione che l’odio e la violenza instillano nei cuori. Eppure il romanzo è una storia d’amore, un amore puro e totale nel buio della guerra. Un romanzo che diventa un inno alla pace e una condanna di ogni guerra e di ogni disuguaglianza sociale. Il protagonista è un ragazzo friulano di 14 anni, Rigo, che non ha mai conosciuto il padre e a causa di una bomba è rimasto solo al mondo. Viene impiegato come aiutante in un ospedale militare, dove entra a contatto con le mutilazioni, l’orrore e la morte causati dalle battaglie nelle trincee. Poiché sa leggere e scrivere, diventa anche il tramite per la corrispondenza tra i soldati e le loro famiglie. Ma è soprattutto l’incontro con la sua coetanea Fortuna a fargli scoprire la forza dell’amicizia e poi dell’amore, unica luce per salvarsi dal buio e dall’orrore.  

Condividi
Gli autori
Christian AntoniniChristian Antonini

Christian Antonini è stato curatore e ideatore di giochi, ha lavorato in campo giornalistico e come traduttore. Oggi si occupa di comunicazione e social media. Dal 2007 vive e...

Marco TomatisMarco Tomatis

Marco Tomatis ha svolto per anni l’attività di sceneggiatore per fumetti per i disegni di Cinzia Ghigliano. Contemporaneamente si è dedicato alla letteratura per ragazzi. In...

Loredana FrescuraLoredana Frescura

E' nata e cresciuta in un paese piccolo, in Umbria: Papiano, una frazione di Marsciano, vicina a Perugia. Qui continua a vivere, viaggiando in ogni parte d’Italia, quando viene...