Affrontare le piccole sfide di ogni giorno con Norman, Ruby e Ravi

Quanto è difficile crescere! Un turbinio di emozioni, scoperte, novità che sembra non avere mai fine. Un'avventura entusiasmante anche se a volte un po' faticosa. Per fortuna ci sono Norman, Ruby e Ravi, Tilda, e Meesha, i protagonisti nati dalla penna di Tom Percival, autore e illustratore inglese pubblicato in tutto il mondo, che ci aiutano ad affrontare le piccole sfide di ogni giorno con una ventata di allegria.

Meesha, nel libro a lei dedicato, che ha il talento per le costruzioni ma non riesce  costruire amicizie. Ma chissà, magari sarà proprio il suo talento ad aiutarla a trovare un amico. Tilda invece, ha proprio tutto quello che si può desiderare. Ma anche lei deve affrontare un momento complicato e le viene voglia di arrendersi. Sarà la tenacia di una coccinella a insegnarle a impegnarsi e a non mollare.

La storia di Norman è quella di un bambino che un giorno iniziò a pensare di non essere normale. C'era un aspetto di lui che proprio non lo convinceva: e se fosse stato l'unico al mondo ad essere così? E se gli amici lo avessero scoperto e preso in giro? Norman allora decise di nascondersi agli occhi degli altri, tenendosi sempre in disparte. Finché, un bel giorno, tutto cambiò... Perché per essere diversi ci vuole coraggio, ma forse è la nostra più grande risorsa.

Ruby invece era una bambina felice e spensierata, fino a quando una grossa Preoccupazione non capitò sulla sua strada. E Ruby non riusciva più a ridere, a giocare, a godersi le giornate, perché aveva sempre un grosso peso sul cuore. Ma c'è una tecnica segreta per far andare via le Preoccupazioni, e ora Ruby è tornata ad essere la bimba allegra di sempre!

E infine c'è Ravi, che un giorno scoprì di essere capace di trasformarsi in una tigre. Sì, perché quando si arrabbiava, ruggiva come un poderoso tigrotto, e otteneva tutto quello che voleva. Ma siamo sicuri che agli altri bambini piaccia giocare con una tigre che non fa altro che ruggire?

Libri toccanti e divertenti al tempo stesso, per imparare ad elaborare le emozioni, alleggerire il cuore dai pesi inutili e apprezzare la bellezza della diversità.