John O'Hara

John O’Hara nacque a Pottsville in Pennsylvania il 31 gennaio 1905. Di famiglia irlandese in una cittadina WASP, per le ristrettezze non poté realizzare il sogno di studiare a Yale, divenne reporter per Herald Tribune e Time, con un occhio attento alla struttura classista della società americana. Il romanzo d’esordio Appuntamento a Samarra (1934) lo consacrò come uno degli scrittori più noti negli Stati Uniti. Acclamato da Ernest Hemingway, F. Scott Fitzgerald e Dorothy Parker, scrisse diciassette romanzi tra i quali Butterfield 8 (Venere in visone), che divenne un film con Elizabeth Taylor, e Ten North Frederick (1955) che vinse il National Book Award. È considerato uno dei maestri delle short stories al pari di Joyce e di Hemingway; e ancor oggi è l’autore con più contributi pubblicati sulla rivista The New Yorker. Morì a Princeton in New Jersey l’11 aprile 1970.