Jonathan Swift

Anticonformista e dissacrante, con la vocazione a stare dalla parte dei più deboli e il gusto della satira caustica, Jonathan Swift aveva uno sconfinato amore per la poesia e la cultura “alta”, che lo fece scagliare a più riprese contro la finta erudizione e la pedanteria fine a se stessa.
L’autore de I viaggi di Gulliver pubblicò il suo maggiore successo nel 1726.