Silvio D'Arzo

Pseudonimo di Ezio Comparoni, figura atipica e solitaria nel panorama letterario italiano del Novecento, è autore di un corpus letterario esiguo ma di notevole qualità (ricordiamo, tra le altre sue cose, il romanzo "All’insegna del Buon Corsiero"). Molto amata da autori contemporanei come Bertolucci e Tondelli, la sua opera dalla scrittura spiccatamente antinaturalistica porta evidenti gli echi dei grandi scrittori inglesi e americani di cui D’Arzo si nutriva, come Stevenson, Conrad, Hemingway. Bompiani ha pubblicato anche il romanzo "Essi pensano ad altro" (a cura di Roberto Carnero).