Gli anni che non stiamo vivendo
Gli anni che non stiamo vivendo

Antonio Scurati

Gli anni che non stiamo vivendo

Dal delitto di Cogne a quello di Garlasco, dalla strage di Columbine a quella di Erba, dalla Prima guerra del Golfo al terrorismo mediatico, i funerali di Giovanni Paolo II e l'elezione di Barack Obama, l'allarme pedofilia e l'emergenza ambientale, il nichilismo sessuale e quello giovanile, e poi gli outlet, i centri benessere, le sale massaggi, le badanti rumene e le badanti oscene. Raccontando u...
Continua a leggere
Acquista su Amazon con i nostri punti Giunti al Punto oppure acquista su: Prezzo: € 19,50
Editore: Bompiani
Collana: Saggistica italiana
Copertina:
Pagine:
Dimensione:
Data di pubblicazione: 12/05/2010
ISBN: 9788845264566
Acquista su Amazon con i nostri punti Giunti al Punto oppure acquista su:
Editore: Bompiani
Collana: Saggistica italiana
Pagine (ed. cartacea):
Data di pubblicazione: 12/05/2010
ISBN: 9788858702284

L'autore

Antonio Scurati è nato a Napoli nel 1969, è cresciuto a Venezia e vive a Milano. Docente di letterature comparate e di creative writing, editorialista del Corriere della sera, ha esordito nel 2003 con Il rumore sordo della battaglia (Premi Fregene, Chianciano e Kihlgren), poi nel 2005 ha pubblicato Il sopravvissuto con il quale ha vinto la XLIII edizione del Premio Campiello, Una storia romantica (2007 Premio Super Mondello), Il bambino che sognava la fine del mondo (2009, finalista al Premio Strega), La seconda mezzanotte (2011), Il padre infedele (2013, di nuovo finalista al Premio Strega). Nel 2015 dà alle stampe Il tempo migliore della nostra vita, vincitore sia del Premio Viareggio sia del Premio Selezione Campiello. Del 2006 è il saggio La letteratura dell’inesperienza, seguito da altri studi. Scurati è direttore scientifico del Master in Arti del Racconto dell’Università IULM. A settembre 2018 è uscito M. Il figlio del secolo, primo romanzo di una tetralogia dedicata al fascismo e a Benito Mussolini: in vetta alle classifiche per due anni consecutivi, vincitore del Premio Strega 2019, è in corso di traduzione in trentotto paesi e diventerà una serie televisiva.

Continua a leggere