Il richiamo della foresta
Il richiamo della foresta

Jack London

Il richiamo della foresta

Categoria: Narrativa

Età di riferimento: 9 anni

Un classico straniero della narrativa per i ragazzi, un testo di qualità perché affidato, per la traduzione, a Giorgio Van Straten, scrittore contemporaneo di grande fama ed esperienza. ''Buck non leggeva i giornali, altrimenti avrebbe capito quali problemi si stavano preparando, non solo per lui, ma per tutti i cani del suo genere, forti di muscoli e col pelo lungo e caldo...''. In questo romanzo...
Continua a leggere
Acquista su Giunti al Punto oppure acquista su: Prezzo: € 9,90
Editore: Giunti Junior
Collana: Gemini 2008
Illustratore: Claudio Pasqualucci
Illustratore: Marco Bregolato
Traduttore: Giorgio Van Straten
Copertina: Cartonato con sovraccoperta
Pagine: 160
Dimensione: 170x240
Data di pubblicazione: 28/01/2009
ISBN: 9788809057821
Acquista su Giunti al Punto oppure acquista su:
Editore: Giunti Junior
Collana: Gemini 2008
Illustratore: Claudio Pasqualucci
Illustratore: Marco Bregolato
Traduttore: Giorgio Van Straten
Pagine (ed. cartacea): 160
Data di pubblicazione: 28/01/2009
ISBN: 9788809754034

L'autore

“Vagabondo” per vocazione e per necessità, London prima di diventare uno scrittore a tempo pieno fece lo strillone di giornali, il pescatore clandestino di ostriche, il lavandaio, il cacciatore di foche, il corrispondente di guerra russo-giapponese, l’agente di assicurazioni, il coltivatore e il cercatore d’oro. Divoratore di libri di ogni genere, durante la caccia all’oro nel Klondike scrisse il suo primo enorme successo: Il richiamo della foresta (The Call of the Wild, 1903), al quale seguirono molti romanzi di vario genere, da quelli avventurosi come Zanna Bianca (White Fang, 1906), a quelli autobiografici come La strada (The road, 1907) e Martin Eden (Martin Eden, 1909). London si è cimentato anche con il reportage (come nel 1904, sulla guerra russo-giapponese) e con la saggistica politica con l’inchiesta Il popolo dell’abisso, (The people of the abyss, 1903) sulla povertà nell’East End di Londra.

Continua a leggere