Il rumore sordo della battaglia
Il rumore sordo della battaglia

Antonio Scurati

Il rumore sordo della battaglia

La sanguinosa epopea delle armi da fuoco in un affresco storico sull'eclissi dell'età eroica. La fine del mondo cavalleresco e l'avvento della guerra moderna nel Rinascimento dei Borgia, di Savonarola e degli ultimi grandi capitani di ventura. Una misteriosa confraternita di uomini in armi che si oppone con ogni mezzo al tramonto delle aristocrazie guerriere e alla marcia inarrestabile della stori...
Continua a leggere
Acquista su Amazon con i nostri punti Giunti al Punto oppure acquista su: Prezzo: € 13,00
Editore: Bompiani
Collana: Tascabili Narrativa
Copertina:
Pagine:
Dimensione:
Data di pubblicazione: 03/05/2006
ISBN: 9788845256349
Acquista su Amazon con i nostri punti Giunti al Punto oppure acquista su:
Editore: Bompiani
Collana: Tascabili Narrativa
Pagine (ed. cartacea):
Data di pubblicazione: 03/05/2006
ISBN: 9788858704448

L'autore

Antonio Scurati è nato a Napoli nel 1969, è cresciuto a Venezia e vive a Milano. Docente di letterature comparate e di creative writing, editorialista del Corriere della sera, ha esordito nel 2003 con Il rumore sordo della battaglia (Premi Fregene, Chianciano e Kihlgren), poi nel 2005 ha pubblicato Il sopravvissuto con il quale ha vinto la XLIII edizione del Premio Campiello, Una storia romantica (2007 Premio Super Mondello), Il bambino che sognava la fine del mondo (2009, finalista al Premio Strega), La seconda mezzanotte (2011), Il padre infedele (2013, di nuovo finalista al Premio Strega). Nel 2015 dà alle stampe Il tempo migliore della nostra vita, vincitore sia del Premio Viareggio sia del Premio Selezione Campiello. Del 2006 è il saggio La letteratura dell’inesperienza, seguito da altri studi. Scurati è direttore scientifico del Master in Arti del Racconto dell’Università IULM. A settembre 2018 è uscito M. Il figlio del secolo, primo romanzo di una tetralogia dedicata al fascismo e a Benito Mussolini: in vetta alle classifiche per due anni consecutivi, vincitore del Premio Strega 2019, è in corso di traduzione in trentotto paesi e diventerà una serie televisiva.

Continua a leggere