La letteratura dell'inesperienza. Scrivere romanzi al tempo della televisione
La letteratura dell'inesperienza. Scrivere romanzi al tempo della televisione

Antonio Scurati

La letteratura dell'inesperienza. Scrivere romanzi al tempo della televisione

Antonio Scurati affronta il delicato tema della correlazione perduta tra letteratura ed esperienza. Scurati riflette sul dissolvimento, nella società di massa, dell'idea stessa di umanesimo, basata sul 'rifiuto ostinato di accettare l'inanità dell'essere umano nel tempo', e quindi, sul 'tentativo di stabilire una comunione di vita tra i vivi e i morti'. Tutto questo, ossia il valore reale e corpo...
Continua a leggere
Acquista su Giunti al Punto oppure acquista su: Prezzo: € 6,20
Editore: Bompiani
Collana: Tascabili Saggistica
Copertina:
Pagine:
Dimensione:
Data di pubblicazione: 13/09/2006
ISBN: 9788845257438

L'autore

Antonio Scurati è nato a Napoli nel 1969, è cresciuto tra Venezia e Ravello e vive a Milano. Docente di letterature comparate e di creative writing all’Università IULM, editorialista del Corriere della Sera, ha vinto i principali premi letterari italiani. Esordisce nel 2002 con Il rumore sordo della battaglia, poi pubblica nel 2005 Il sopravvissuto (Premio Campiello) e negli anni seguenti Una storia romantica (Premio SuperMondello), Il bambino che sognava la fine del mondo (2009), La seconda mezzanotte (2011), Il padre infedele (2013), Il tempo migliore della nostra vita (Premio Viareggio- Rèpaci e Premio Selezione Campiello). Del 2006 è il saggio La letteratura dell’inesperienza, seguito da altri studi. Scurati è con-direttore scientifico del Master in Arti del Racconto. Del 2018 è M. Il figlio del secolo, primo romanzo di una tetralogia dedicata al fascismo e a Benito Mussolini: in vetta alle classifiche per due anni consecutivi, vincitore del Premio Strega 2019, è in corso di traduzione in quaranta paesi e diventerà una serie televisiva.

www.antonioscurati.com

Continua a leggere