La lingua italiana
La lingua italiana

Anna Laura Lepschy, Giulio C. Lepschy

La lingua italiana

Questo testo ormai classico offre da un lato un profilo storico e socio-linguistico dell’italiano moderno, e dall’altro una descrizione grammaticale che comprende sia l’aspetto fono-morfologico sia l’esame approfondito di una serie di argomenti sintattici. L’opera, che esiste anche nelle versioni inglese e tedesca, si rivolge sia agli studiosi di linguistica desiderosi di indagare su particolari f...
Continua a leggere
Acquista su Amazon con i nostri punti Giunti al Punto oppure acquista su: Prezzo: € 14,00
Editore: Bompiani
Collana: Tascabili Saggistica
Copertina: Brossura
Pagine: 336
Dimensione: 130X198
Data di pubblicazione: 20/02/2019
ISBN: 9788830100121

L'autore

Anna Laura Lepschy è nata a Torino, si è laureata a Oxford, ha insegnato alle Università di Bristol, Reading, Oxford, Toronto e Cambridge. Ha diretto a lungo il dipartimento di Italianistica allo University College di Londra, dove ora è Professore Emerito. Tra le sue opere ricordiamo l’edizione di un testo quattrocentesco (Santo Brasca, Viaggio in Terrasanta, 1966); la raccolta di saggi sulla letteratura italiana tra Ottocento e Novecento (Narrativa e teatro fra due secoli, 1984); Varietà linguistiche e pluralità di codici nel Rinascimento (1996); Davanti a Tintoretto (1998); con G. Lepschy, L’amanuense analfabeta e altri saggi (1999).

Continua a leggere

L'autore

Giulio Lepschy è nato a Venezia, ha studiato alla Scuola Normale Superiore di Pisa e alle Università di Zurigo, Oxford, Parigi e Londra. Ha insegnato al Dipartimento di Italianistica dell’Università di Reading, dove è Professore Emerito, alle Università di Toronto, Cambridge e allo University College di Londra. È Fellow of the British Academy e socio dell’Accademia della Crusca. Tra le sue opere: La linguistica strutturale (1966); Nuovi saggi di linguistica italiana (1989); La linguistica del Novecento (1992); Parole, parole, parole e altri saggi di linguistica (2007); Tradurre e traducibilità (2009).

Continua a leggere