Le nostre storie sono i nostri orti (ma anche i nostri ghetti)
Le nostre storie sono i nostri orti (ma anche i nostri ghetti)

Marco Pannella, Stefano Rolando

Le nostre storie sono i nostri orti (ma anche i nostri ghetti)

Marco Pannella è parte della storia della politica italiana del dopoguerra. Ma, pur avendo molto parlato e comunicato, prima di questo libro non si era mai raccontato. Per lui hanno parlato le sue battaglie, i suoi discorsi parlamentari a Roma e a Bruxelles, le sue resistenze, i suoi scioperi della fame e della sete. Alla guida di un 'piccolo partito ', è spesso stato espressione di maggioranze de...
Continua a leggere
Acquista su Amazon con i nostri punti Giunti al Punto oppure acquista su: Prezzo: € 15,00
Editore: Bompiani
Collana: AsSaggi
Copertina:
Pagine:
Dimensione:
Data di pubblicazione: 25/11/2009
ISBN: 9788845264399

L'autore

Marco Pannella (Teramo, 1930), in gioventù nella sinistra liberale, ha rifondato a metà degli anni cinquanta il Partito Radicale di cui è tuttora leader. È entrato in Parlamento nel 1976. È stato per trenta anni europarlamentare. Ha condotto storiche battaglie referendarie per i diritti civili che hanno portato alla legalizzazione del divorzio, alla scomparsa degli aborti clandestini, alla chiusura dei manicomi, alla legittimazione dell’obiezione di coscienza. Tra le molteplici iniziative internazionali quella che ha permesso di formare nel 2008 una maggioranza all’ONU contro la pena di morte.

Continua a leggere

L'autore

Stefano Rolando (Milano, 1948), laureato a Milano in Scienze Politiche, dopo esperienze di management in aziende (Rai e Olivetti) e istituzioni (Presidenza Consiglio dei Ministri e Consiglio Regionale della Lombardia), è dal 2001 professore di ruolo (Economia e gestione delle imprese) alla facoltà di Scienze della comunicazione dell’Università IULM di Milano, dove si occupa di branding e di comunicazione pubblica, politica e sociale. Dal 2005 al 2010 è stato segretario generale della Fondazione di ricerca dell’ateneo. È stato anche segretario generale della Conferenza dei presidenti delle assemblee regionali italiane e rappresentante italiano nel comitato scientifico Unesco-Bresce. Ha scritto nel suo campo disciplinare (da ultimo La comunicazione pubblica per una grande società, 2010); ma anche di memoria e identità. Con Bompiani: Quarantotto-Argomenti per un bilancio generazionale (2008); Il mio viaggio nel secolo cattivo (con Maria Luigia Baldini Nitti, 2008); Le nostre storie sono i nostri orti ma anche i nostri ghetti (con Marco Pannella, 2009). Di recente anche co-autore di Paolo Grassi. Biografia (2011).

Continua a leggere