Millenovecentoottantaquattro
Millenovecentoottantaquattro

George Orwell

Millenovecentoottantaquattro

Capolavoro della letteratura distopica, Millenovecentoottantaquattro è la spaventosa visione di un mondo dominato da regimi totalitari e carico di foschi presagi. Scritto a pochi anni dalla fine della seconda guerra mondiale, narra di un occidente grigio, oppresso dall’ideologia propagata dal Partito EngSoc, il cui leader infallibile e onnisciente è Big Brother. Winston Smith lavora per il Ministe...
Continua a leggere
Acquista su Giunti al Punto oppure acquista su: Prezzo: € 13,00
Editore: Bompiani
Collana: Classici contemporanei
Traduttore: Vincenzo Latronico
Copertina: Brossura con bandelle
Pagine: 368
Dimensione: 150.0 x 210.0
Data di pubblicazione: 05/01/2021
ISBN: 9788830104877

L'autore

George Orwell, pseudonimo di Eric Blair (1903 - 1950), è stato uno dei più lucidi saggisti del suo tempo. Dal 1937 i suoi scritti si ispirano a un socialismo non ortodosso e contengono violenti attacchi contro il capitalismo, la chiesa cattolica, i regimi dittatoriali e contro tutte le forme di sopraffazione e d’ingiustizia. I suoi libri più importanti, diventati capolavori amati da generazioni di lettori, fondono impegno politico e passione letteraria: Omaggio alla Catalogna (1938), La fattoria degli animali (1945) e Millenovecentoottantaquattro (1949). Bompiani ha pubblicato nel 2013 la raccolta di saggi Nel ventre della balena.

Continua a leggere