Tutte le opere. Vol. 2: Le commedie
Tutte le opere. Vol. 2: Le commedie

William Shakespeare

Tutte le opere. Vol. 2: Le commedie

Dopo il primo volume dedicato alle ''Tragedie'', questo nuovo tomo - il secondo dei quattro previsti per completare ''Tutte le opere diShakespeare'' - raccoglie le ''Commedie'': dieci testi, considerati capolavori universali, nell'originale inglese in edizione critica, con traduzione a fronte e con un ricco apparato di introduzioni e commenti (''I due gentiluomini di Verona''; ''La bisbetica domat...
Continua a leggere
Acquista su Amazon con i nostri punti Giunti al Punto oppure acquista su: Prezzo: € 55,00
Editore: Bompiani
Collana: I classici della Letteratura Europea
Curatore: Franco Marenco
Curatore: John Jowett
Curatore: William Montgomery
Curatore: Gary Taylor
Curatore: Stanley Wells
Copertina: Cartonato con sovraccoperta
Pagine: 2400
Dimensione: 15 x 21
Data di pubblicazione: 20/11/2015
ISBN: 9788845280597
Acquista su Amazon con i nostri punti Giunti al Punto oppure acquista su:
Editore: Bompiani
Collana: I classici della Letteratura Europea
Curatore: Franco Marenco
Curatore: John Jowett
Curatore: William Montgomery
Curatore: Gary Taylor
Curatore: Stanley Wells
Pagine (ed. cartacea): 2400
Data di pubblicazione: 20/11/2015
ISBN: 9788858771891

L'autore

La vita di William Shakespeare è il buco nero della storia letteraria inglese, in cui precipitano intermittenti teorie e fantasie di brevissima luce e di ancor più flebile autorevolezza. Sono sicure le date della nascita e della morte, avvenute entrambe a Stratford-on-Avon, nel 1564 e nel 1616. Nel novembre del 1582 viene collocato il matrimonio con Anne Hathaway da cui ebbe tre figli, Susanna (1583) e i gemelli Hamnet e Judith (Hamnet morì per cause sconosciute all’età di undici anni). Successivamente, il grande lavoro a Londra, come autore e saltuariamente attore di una compagnia teatrale, prima chiamata “gli Uomini del Lord Ciambellano”, poi, dal 1603, “Uomini del Re”; un lavoro accompagnato da un grande successo di pubblico e da un discreto successo economico, ma non adeguatamente riconosciuto dalla cultura ufficiale del tempo: quella del drammaturgo era una figura sociale in gestazione, legata a un mestiere di incerta collocazione e di ancora più incerto prestigio intellettuale.

Continua a leggere