Vita activa
Vita activa

Hannah Arendt

Vita activa

In condizioni di benessere economico e pace civile che ne è della libertà politica? Qual è lo spazio consentito a un agire politico che non sia solo angusta difesa degli interessi materiali o rituale comportamento elettorale? Domande ancora attuali che l'autrice ha posto, quasi sessant'anni fa, in questo libro divenuto ormai un classico della filosofia del pensiero politico. Una spregiudicata anal...
Continua a leggere
Acquista su Amazon con i nostri punti Giunti al Punto oppure acquista su: Prezzo: € 13,00
Editore: Bompiani
Collana: Tascabili Saggistica
Introduzione: Alessandro Dal Lago
Traduttore: Sergio Finzi
Copertina: Brossura
Pagine: 448
Dimensione: 13 x 19,8
Data di pubblicazione: 20/09/2017
ISBN: 9788845295461
Acquista su Amazon con i nostri punti Giunti al Punto oppure acquista su:
Editore: Bompiani
Collana: Tascabili Saggistica
Introduzione: Alessandro Dal Lago
Traduttore: Sergio Finzi
Pagine (ed. cartacea): 448
Data di pubblicazione: 20/09/2017
ISBN: 9788858776612

L'autore

Hannah Arendt (Hannover 1906 - New York 1975), allieva di Husserl, Heidegger e Jaspers, nel 1933 dovette emigrare in Francia a causa delle persecuzioni contro gli ebrei. Dal 1941 insegnò filosofia politica a Chicago e New York. Della sua vasta produzione – dalla teoria politica alla filosofia, dalla storia della cultura ebraica alla letteratura moderna – segnaliamo in edizione italiana: Le origini del totalitarismo (Bompiani, 1982 2a), Rahel Vernhagen. Storia di un'ebrea (Il Saggiatore, 1988), Tra passato e futuro (Garzanti, 1991), Sulla rivoluzione (Edizioni di Comunità, 1983), La disobbedienza civile e altri saggi (Giuffrè, 1985), Politica e menzogna (SugarCo, 1985), Ebraismo e modernità (Unicopli, 1986), La banalità del male (Feltrinelli, 1992).

Continua a leggere