NovitàMystery e thrillerNarrativa

Nostalgia del sangue

Il primo serial killer italiano è tornato

Correnti Dario

512 pagine

Una provincia del nord Italia, dove la gente abita in villette a schiera con giardino, dove ''riservatezza'' è il nome che si attribuisce a un’omertà che somiglia molto a quella mafiosa. Gli stessi luoghi che più di cento anni fa, infestati dalla miseria, videro gli spaventosi delitti di Vincenzo Verzeni, il ''vampiro di Bottanuco'', il primo serial killer italiano, studiato da Lombroso con minuzia farneticante. Il serial killer che sembra citare il modus operandi di quel primo assassino non è però un giovane campagnolo con avi ''cretinosi'', è una mente lucidissima, che uccide con rabbia ma poi quasi si prende gioco degli inquirenti. A raccontare ai lettori le sue imprese e, a un certo punto, a tentare in prima persona di dargli la caccia, la coppia più bella mai creata dal noir italiano: Marco Besana, un giornalista di nera alle soglie del prepensionamento, e una giovane stagista, la ventiseienne Ilaria Piatti, detta ''Piattola''. Goffa, malvestita, senza neppure un corteggiatore, traumatizzata da un dolore che l’ha segnata nell’infanzia, eppure intelligentissima, intuitiva, veramente dotata per un mestiere in cui molti vanno avanti con tutt’altri mezzi, Ilaria è il personaggio del quale ogni lettrice e lettore si innamorerà. Un uomo anziano e una ragazza uniscono la loro fragilità e le loro impensabili risorse per raccogliere la sfida lanciata dal male.

Condividi
  • Editore: Giunti
  • Collana: Giunti Tascabili
  • Copertina: Brossura
  • Lingua: Italiano
  • ISBN - EAN: 9788809873339
  • Data di pubblicazione: 02/01/2019
  • Prima edizione: gennaio 2018