ReligioneSaggistica

Crimine di Stato

La diffamazione dei Templari

Frale Barbara

La morte civile precede dunque la condanna giudiziaria, che nel caso dei Templari in realtà non venne mai sancita
192 pagine

Crimine di stato si svolge agli inizi del Trecento, il secolo dei grandi processi politici, scoppia in Francia un caso che farà epoca: i Templari, il più potente ordine cavalleresco dell’Europa, sono processati e messi al rogo con la falsa imputazione di eresia e sodomia.

In questa vicenda giudiziaria montata ad arte, la diffamazione si rivela un micidiale strumento al servizio di un ambizioso disegno di potere. Sarà il re Filippo il Bello a scatenare la feroce repressione che fa di lui un monarca assoluto e gli permette di sottrarre immense ricchezze ai Templari.
La macchina accusatoria che spazza via l’Ordine dei monaci-guerrieri è uno scandalo orchestrato da una sapiente regia e condotto da abili professionisti della comunicazione. Il medioevo anticipa le strategie politiche del mondo di oggi e si riflette nell’attualità.  

Condividi
  • Editore: Giunti
  • Collana: Saggi interventi
  • Copertina: Brossura con bandelle
  • Dimensione: 14x21.5cm
  • Lingua: Italiano
  • ISBN - EAN: 9788809797390
  • Data di pubblicazione: 15/10/2014
  • Prima edizione: ottobre 2014
L'autore
Barbara  Frale Barbara Frale

Storica del medioevo, Barbara Frale è Ufficiale presso l’Archivio Segreto Vaticano. Tra i suoi libri più recenti segnaliamo: Andare per la Roma dei Templari (il Mulino 2014), L’inganno del gran rifiuto. La vera storia di Celestino V, papa dimissionario...