Giornata della Memoria: leggere per non dimenticare

Il 27 gennaio del 1945 i soldati dell’Armata Rossa entrarono nel campo di sterminio di Auschwitz rivelando al mondo gli orrori del genocidio nazista
Nel 2005, in una sessione speciale dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, fu istituita la Giornata della Memoria da celebrarsi appunto il 27 gennaio di ogni anno. 

Il ricordo di questa pagina terribile della nostra storia non deve disperdersi, tanto più ora, a distanza di tanti anni. La voce delle vittime e dei sopravvissuti non deve sparire nelle pieghe del tempo. 

È importante che le nuove generazioni sappiano a cosa possono portare l’intolleranza, il razzismo, l’incapacità di accogliere e capire chi è diverso da noi: bisogna conoscere e informarsi perché è proprio l’ignoranza la prima alleata di chi professa idee di questo genere. 

Noi continueremo a pubblicare i libri di chi ha vissuto sulla propria pelle gli orrori del nazismo e dell’antisemitismo, o di chi ha raccontato delle storie, ispirate a quel periodo. 

Noi non dimentichiamo.