Narrativa

Mi chiamo Chuck

Ho diciassette anni. E, stando a Wikipedia, soffro di un disturbo ossessivo-compulsivo.

Aaron Karo

Lo scorso anno mi sono fatto esattamente 273 pippe. Questo fa una media di 5,25 alla settimana e di 0,75 al giorno. Non lo so che cos’è che mi impressiona di più: il fatto che mi faccia così tante pippe o il fatto che ne abbia tenuto il conto per tutto l’anno. Però l’ho fatto,su una pila sempre più alta di post-it nascosta dentro il comodino. Fatti una pippa, prendi nota, vai a nanna. La routine. Il problema è che la routine occupa una buona parte della mia vita. Ok, va bene, forse «routine» non è la parola giusta. Quello che faccio non è «routine» . È compulsivo. Avete presente quando leggete qualcosa e vi viene da dire: Cazzarola, sono io!
Be’, una volta che l’ho letto, ho capito che ce l’avevo.
288 pagine
Disponibile anche: eBook

Arriva in Italia il romanzo più divertente e dissacrante degli ultimi tempi, che non può non far pensare al Woody Allen più classico.

Charles, detto Chuck, ha diciassette anni e si lava le mani continuamente, controlla anche cento volte di seguito che le piastre dei fornelli siano spente e non va mai a dormire senza aver fatto la pipì fino allo sfinimento. Ha un amico del cuore, Steve, l'unico a cui confida le sue stramberie e una sorella, Beth, bella, normale e piena di amici che lo ignora fino a negargli persino l'amicizia su Facebook. La sua giornata è costellata dalla ripetizione di gesti, regole maniacali che lui stesso si è imposto per non perdere del tutto il controllo di sé. E poi ci sono le Converse: ne possiede decine di paia di ogni colore che ha abbinato ai vari stati d'animo. Converse rosse: arrabbiato; gialle: nervoso e così di seguito. I genitori, però, sono sempre più preoccupati e, nonostante le rimostranze di Chuck, decidono di spedirlo da una psichiatra. L'arrivo di una nuova compagna di classe e il desiderio di aiutare il suo amico bullizzato convinceranno Chuck a prendere sul serio i suoi sintomi e a iniziare una terapia. Difficile non ridere con questo esilarante racconto in prima persona di Chuck, uno dei più divertenti e struggenti personaggi della narrativa contemporanea.

Titolo originale: ''Lexapros and Cons'' (2012). Il nuovo punto di riferimento sul web per la generazione Y: y.giunti.it

Rassegna stampa

Panorama.it

Girl

Rockerilla

Il tempo

Condividi
  • Editore: Giunti
  • Collana: Y
  • Traduttore: Rossari,Marco
  • Copertina: Cartonato con sovraccoperta
  • Dimensione: 12.5x18cm
  • Lingua: Italiano
  • ISBN - EAN: 9788809759800
  • Data di pubblicazione: 2012
  • Prima edizione: aprile 2012
Lexapros and Cons by Aaron Karo
"Mi chiamo Chuck" il booktrailer di Y
L'autore
Aaron Karo Aaron Karo

AARON KARO è un giovane autore di libri di fiction umoristica, bestseller nelle classifiche americane e apprezzati per la vena graffiante e sfacciata. Dal 1997 Karo è anche editorialista di una rubrica seguitissima, che ha avuto così tanto successo...