Mystery e thrillerNarrativa

Ogni giorno ha il suo male

Noir

Antonio Fusco

Si addormentò con il pensiero che da qualche parte, non molto distante da lui, una persona nel buio di quella notte si era trasformata nell’angelo della morte e aveva compiuto l’azione assoluta, l’abbraccio di un istante con il mistero dell’eternità e con la più inevitabile delle conseguenze: aveva ucciso.
Editore: Giunti
256 pagine
Disponibile anche: eBook

Un noir avvincente che cattura il lettore grazie a un ritmo serrato e alla cruda atmosfera dell'indagine vera.

Il commissario Casabona: il nuovo Fabio Montale? “Ogni giorno ha il suo male” di Antonio Fusco, funzionario della Polizia di Stato, colpisce nel segno.

La sonnacchiosa provincia toscana di Valdenza è improvvisamente scossa dall’omicidio di una donna che viene ritrovata in casa, in una posizione innaturale e con una fascetta stringicavo attorno al collo. Si pensa subito al movente passionale, ma all’occhio esperto di Casabona, il commissario incaricato del caso, qualcosa fin da subito non quadra: troppi elementi diversi sulla scena del crimine, troppi particolari contrastanti.

Schivo, ma con una forte carica umana, reso cinico da troppi anni di mestiere alle spalle, Casabona capisce ben presto che l’omicidio è solo l’inizio di un vortice di morte: un gioco molto pericoloso in cui le regole sono quelle stringenti e folli di un serial killer. E Casabona non può che accettare la sfida. «Chiediti perché e troverai il movente e se troverai il movente sarai vicino all’assassino»: seguendo questa frase come un mantra e con l’aiuto dell’affascinante collega Cristina Belisario, Casabona cercherà di venirne a capo e per farlo sarà obbligato anche a una profonda riflessione sull’impotenza dell’essere umano rispetto alle conseguenze delle proprie azioni.

Un romanzo da non perdere. Un commissario che non si dimentica.
"Ogni giorno ha il suo male" inchioda il lettore con atmosfere alla Izzo.

 

Segui Antonio Fusco sulla sua pagina Facebook.

Scopri il blog: Ogni giorno ha il suo male - Antonio Fusco

Dicono del libro

Le prime 4 pagine sono peggio di un pugno in faccia. E creano quel legame libro/lettore che è peggio di un sortilegio. Marie Claire Una caccia al tesoro senza indizi destinata a concludersi molto lontano. Con citazioni musicali appropriate e la sensazione che del commissario tosco-napoletano leggeremo altre storie. Il Corriere della Sera Casabona si candida a nuovo commissario seriale. La Repubblica Un’ambientazione noir alla Jean-Claude Izzo. La Nazione Il ritmo è quasi cinematografico: un esordio nel solco
del miglior poliziesco mediterraneo.
La Gazzetta dello Sport
Casabona...un commissario un po' cinico, ma molto umano. Il Mattino Una storia mozzafiato, scritta con ritmo serrato e con una sequenza di invenzioni di forte impatto in una vicenda complessa della quale, tuttavia, non si perde mai il filo e dove tutte le tessere del mosaico andranno, magicamente, al loro posto. La Nazione Il commissario Casabona è un personaggio che ha la stoffa per diventare un protagonista degli amanti della lettura. Corriere Fiorentino Nasce un nuovo scrittore di noir. E il commissario Casabona è un personaggio vero, deciso e duro, ma con una forte carica umana.
Il Mattino
Le prime 4 pagine sono come un pugno in faccia. E creano quel legame libro-lettore che è più forte di un sortilegio.
Marie Claire
Da Ricciardi a Casabona, una stirpe di commissari che sanno scrutare il dolore. Il Corriere del Mezzogiorno È un giallo con la struttura del thriller all’americana e le ambientazioni del noir alla francese. Ma l’umanità del personaggio è tutta italiana. Il Tirreno Personaggio che diverte grazie alla sua presunta arroganza,anche quando urlata per strada ai colleghi, e che conquista fino all’ultimo istante. Il Mucchio selvaggio Un libro che si tinge di noir, dal ritmo serrato e di azione e allo stesso tempo ricco di descrizioni intimiste che ruotano intorno al protagonista del romanzo, il Commissario Casabona. La Gazzetta di Napoli Antonio Fusco è abile nel disegnare un nuovo, irresistibile, personaggio. Un uomo che riesce a conquistare con la sua forza ma anche, e soprattutto, con le sue innumerevoli debolezze. CheDonna.it Il racconto ha ritmo e mordente, le figure di contorno caratteri immediatamente riconducibili ai loro prototipi e l’intero quadro il pregio di rappresentare in maniera arguta e realistica costumi e scenari tutti italiani. Casabona farà senz’altro carriera. Rockerilla Parte bene Antonio Fusco con “Ogni giorno ha il suo male” ... grazie ai suoi studi e alla professione, delinea con abilità, l’ambiente e l’indagine, sia nel modo con cui è condotta, sia nei suoi retroscena di leggerezze, superficialità ed errori, che la rivelano inconfondibilmente all’italiana. La Gazzetta di Mantova La storia funziona, e il progressivo evolversi degli eventi e delle indagini non ha quasi sbavature, non cede mai a suggestioni poco credibili o a banalità. Il lettore avverte da subito che in questo romanzo c’è moltissima realtà vissuta in prima persona, e che può fidarsi di quel che viene raccontato. Tutto lascia pensare che sarà un piacere, in futuro, incontrare nuovamente Casabona nel panorama noir italiano. Rivista Fralerighe Un personaggio dalle grandi potenzialità, che piace
e convince. Aspettiamo le prossime indagini.
MilanoNera
Condividi
L'autore
Antonio Fusco Antonio Fusco

Antonio Fusco è nato a Napoli nel 1964, è funzionario nella Polizia di Stato e criminologo forense. Dal 2000 si occupa di indagini di polizia giudiziaria in Toscana. Ogni giorno ha il suo male, suo romanzo di esordio, è...

  • Il metodo della fenice
  • Ogni giorno ha il suo male
  • La pietà dell'acqua

Appuntamenti
News